25 febbraio 20: Coronavirus: lavoro agile anche senza accordo in sei regioni

Home Primo piano Notizie Coronavirus: lavoro agile anche senza accordo in sei regioni

Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dpcm del 25 febbraio 2020
G.U. n. 47 del 25 febbraio 2020
È stato pubblicato in Gazzetta il decreto contenente nuove misure finalizzate a gestire l'attuale situazione di emergenza Coronavirus. Il provvedimento ammette il ricorso allo smart working senza accordi aziendali e anche in assenza di accordi individuali, non solo nelle aree della zona rossa ma in tutte le sei regioni in cui sono stati registrati contagi, quindi: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria con riferimento:
-> ai datori di lavoro aventi sede legale o operativa nelle sei Regioni indicate e
-> ai i lavoratori ivi residenti o domiciliati che svolgano attività lavorativa fuori da tali territori.
Con l’intervento governativo si supera pertanto, anche se in via provvisoria, la legge che istituisce e regolamenta il lavoro agile (Legge n. 81/2017), la quale prevede che detta modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato debba essere stabilita mediante accordo tra le parti, in forma scritta. Per ciò che attiene alle modalità operative, il Ministero del Lavoro, con Nota del 24 febbraio 2020, ha specificato che è possibile ricorrere allo smart working, fino al 15 marzo 2020, con una semplice autodichiarazione. In particolare ha specificato che:
 nella procedura telematica d’emergenza l'accordo individuale è sostituito da un'autocertificazione che il lavoro agile si riferisce ad un soggetto appartenente a una delle aree a rischio;
 nel campo "data di sottoscrizione dell'accordo", deve essere inserita la data di inizio dello smart working".
Il Provvedimento stabilisce inoltre che gli obblighi di informativa previsti dalla Legge 22 maggio 2017, n. 81 (che devono garantire la salute e la sicurezza del lavoratore che svolge la prestazione di lavoro in modalità agile, informandolo sui rischi connessi), possono temporaneamente essere assolti in via telematica, utilizzando la documentazione resa disponibile sul sito dell'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro (Inail).
Abrogato il 2 marzo 2020, con l’introduzione del Dpcm. 1° marzo 2020.

Allegati
Argomento Anteprima/Download Descrizione
Lavoro agile PCM_Decreto 25 febbraio 2020.pdf -
Accedi

Inserisci email e password per effettuare l'accesso alla tua area riservata e visualizzare le aree e i documenti a te dedicati.



REGISTRATI

Vuoi visualizzare le aree riservate e rimanere aggiornato sulle novità in materia di fisco e leggi sul lavoro? Registrati subito e gratuitamente tramite la pagina di iscrizione.

IO SRL - p.iva.: 03667950236