31 ottobre 19: Utilizzo a fine privato dei permessi sindacali e licenziamento

Home Primo piano Notizie in tempo reale Utilizzo a fine privato dei permessi sindacali e licenziamento

Corte di Cassazione
Sentenza n. 28098 del 31 ottobre 2019
Deve essere risarcito, ma non anche reintegrato, il lavoratore licenziato per aver fruito di un permesso sindacale per fini privati, perché l’illecito non è tipizzato né dalla legge né dal Ccnl applicato. Al riguardo, la Suprema Corte ha ricordato che «la sproporzione tra la condotta e la sanzione espulsiva rientra nelle “altre ipotesi” in cui non ricorrono gli estremi del giustificato motivo soggettivo o della giusta causa, per le quali il V comma dell’art. 18 prevede la tutela indennitaria c.d. forte. La novella del 2012 ha introdotto, quindi, una graduazione delle ipotesi di illegittimità della sanzione espulsiva dettata da motivi disciplinari, facendo corrispondere a quelle di maggiore evidenza la sanzione della reintegrazione e limitando la tutela risarcitoria alla ipotesi del difetto di proporzionalità che non risulti dalle previsioni del contratto collettivo.» In continuità con tale ricostruzione, condivisa da pronunzie successive (v. tra le altre, Cass. 26013 del 2018, Cass. Sentenza 31 ottobre 2019, n. 28098.

Allegati
Argomento Anteprima/Download Descrizione
Sindacale CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 31 ottobre 2019, n. 28098.pdf -
Accedi

Inserisci email e password per effettuare l'accesso alla tua area riservata e visualizzare le aree e i documenti a te dedicati.



REGISTRATI

Vuoi visualizzare le aree riservate e rimanere aggiornato sulle novità in materia di fisco e leggi sul lavoro? Registrati subito e gratuitamente tramite la pagina di iscrizione.

IO SRL - p.iva.: 03667950236