24 maggio 21: Licenziamento collettivo e mancata comunicazione dei criteri di scelta

Home Primo piano Notizie Licenziamento collettivo e mancata comunicazione dei criteri di scelta

Corte di Cassazione
Sentenza n. 14180 del 24 maggio 2021
E’ illegittimo il licenziamento collettivo intimato dal datore di lavoro che, nella comunicazione finale della procedura [ex art. 4, c. 9, Legge n. 223/1991] non ha indicato i criteri di scelta degli esuberi e le modalità di applicazione di essi. La Suprema Corte ha precisato che in tali ipotesi il lavoratore licenziato deve essere reintegrato nel posto di lavoro, con diritto al pagamento di un'indennità risarcitoria non superiore alle 12 mensilità. Sul tema va ricordato che:
- il D. Lgs. n. 23/2015 ha modificato il regime sanzionatorio in caso di illegittimità del licenziamento collettivo;
- la Corte Costituzionale - ha ritenuto inammissibili le questioni di legittimità costituzionali in merito ai licenziamenti collettivi intimati in violazione dei criteri di scelta, ex D. Lgs. n. 23/2015 [Sentenza del 26 novembre 2020, n. 254]

Allegati
Argomento Anteprima/Download Descrizione
Estinzione rapporto di lavoro Cassazione Sentenza 14180.pdf -
Accedi

Inserisci email e password per effettuare l'accesso alla tua area riservata e visualizzare le aree e i documenti a te dedicati.



REGISTRATI

Vuoi visualizzare le aree riservate e rimanere aggiornato sulle novità in materia di fisco e leggi sul lavoro? Registrati subito e gratuitamente tramite la pagina di iscrizione.

IO SRL - p.iva.: 03667950236