18 marzo: Dal decreto sulla crisi ucraina novità per il lavoro

Home Primo piano Notizie Dal decreto sulla crisi ucraina novità per il lavoro

Consiglio dei Ministri
Comunicato n. 68 del 18 marzo 2022
Si rende noto che è stato approvato il Decreto Legge, recante “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi Ucraina”. Il provvedimento contiene, tra l’altro, disposizioni che interessano il lavoro.
INTEGRAZIONE SALARIALE
Per fronteggiare situazioni di particolare difficoltà economica, ai datori di lavoro che non possono più ricorrere ai trattamenti ordinari di integrazione salariale è riconosciuto, nel limite di spesa di 150 milioni di euro per l’anno 2022, un trattamento ordinario di integrazione salariale per alcune settimane fruibili fino al 31 dicembre 2022. La disposizione si applica anche alle imprese del settore turistico.
AGEVOLAZIONE PER ACQUISIZIONE DI PERSONALE GIÀ DIPENDENTE DI IMPRESE IN CRISI
L’esonero contributivo (esonero totale) in vigore per l’assunzione, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, di lavoratori subordinati provenienti da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale è esteso anche ai lavoratori licenziati per riduzione di personale nei sei mesi precedenti e a quelli impiegati in rami d’azienda oggetto di trasferimento.
CREDITO D’IMPOSTA PER L’ACQUISTO DI CARBURANTE PER AGRICOLTURA E PESCA
Alle imprese esercenti attività agricola e della pesca è riconosciuto un credito di imposta, pari al 20% della spesa sostenuta per l'acquisto del carburante effettivamente utilizzato nel primo trimestre solare dell'anno 2022. È prevista la cedibilità sul modello credito d’imposta nel settore energetico.
DEROGA ALLA DISCIPLINA DEL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI SANITARIE
Sino al 4 marzo 2023 è consentito l’esercizio temporaneo delle qualifiche professionali sanitarie e della qualifica di operatore socio-sanitario ai professionisti cittadini ucraini residenti in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 che intendono esercitare nel territorio nazionale – presso strutture sanitarie o sociosanitarie pubbliche o private – una professione sanitaria o la professione di operatore socio-sanitario in base a una qualifica professionale conseguita all’estero e regolata da specifiche direttive dell’Unione europea.
E’ disponibile l’Informativa per i clienti dello studio 2022 - Dal decreto sulla crisi ucraina novità per il lavoro

Allegati
Argomento Anteprima/Download Descrizione
Agevolazioni e altri benefici Consiglio dei Ministri n. 68.pdf -
Accedi

Inserisci email e password per effettuare l'accesso alla tua area riservata e visualizzare le aree e i documenti a te dedicati.



REGISTRATI

Vuoi visualizzare le aree riservate e rimanere aggiornato sulle novità in materia di fisco e leggi sul lavoro? Registrati subito e gratuitamente tramite la pagina di iscrizione.

IO SRL - p.iva.: 03667950236